martedì 8 dicembre 2015

Libellula: regina dell'acqua e dell'aria.


La libellula dimora in due regni, l'acqua e l'aria.
Allo stadio iniziale di ninfe vivono in acqua, ma quando maturano e subiscono la metamorfosi si spostano nel regno dell'aria. Non è insolito trovare individui con libellule totem che si dimostrano molto emotivi e appassionati nei primi anni della loro vita, ma che, col trascorrere degli anni, imparano a equilibrare questi stati d'animo con chiarezza mentale e controllo maggiori. 
Talvolta, invece, è possibile che le emozioni siano rimaste bloccate in quei primi anni da problemi di ordine emotivo. La libellula si trova sempre nelle vicinanze dell'acqua, in quanto espressione congiunta dell'emotivo e del mentale.


Se una libellula si è mostrata nella vostra esistenza , forse avete bisogno di aria fresca riguardo a qualcosa che riguarda la sfera emotiva, una nuova prospettiva o un cambiamento. Questo totem potrebbe perfino indicare che state trascurando le vostre emozioni. Siete forse troppo razionali su tutto? Non mantenete vivo il colore dei sentimenti?
Le libellule sono molto territoriali. Depongono le uova nella propria zona e nelle vicinanze dell'acqua. L'uovo si sviluppa gradualmente fino a diventare ninfa, e rimane tale per quasi due anni, prima di subire la metamorfosi che darà luogo alla libellula adulta. Ciò può riflettere molte possibilità per chi ha questo totem: indica forse che un periodo di trasformazione della durata di due anni sta giungendo al culmine, o magari che sta per iniziare; potrebbe perfino riflettere l'esigenza di avviare cambiamenti che entro due anni potrebbero culminare nelle vivaci trasformazioni da voi desiderate. Solo esaminando la vostra vita e le vostre attività comincerete a comprendere il ruolo specifico di questo totem.


Proprio come la luce può deviare, guizzare e modificarsi in una varietà di modi, così avviene anche per le forze archetipe associate alla libellula. 
È uno degli insetti più adattabili, e per tale motivo è riuscita a sopravvivere tanto a lungo. Possiede due paia di ali ma, se necessario, riesce a volare anche con uno solo. Mantiene gli occhi puliti servendosi di pettini speciali situati sulle zampe e lavandoli con gocce d'acqua che raccoglie in bocca.
Questi insetti vivono nel regno della luce ed escono solo di giorno, essendo animali a sangue freddo. L'estate è la loro stagione di potere, perché hanno bisogno del calore e della luce del sole. Per chi ha questo totem, si tratta di informazioni importanti da tenere a mente. 


Trascorrere del tempo all'aperto e al sole vicino a sorgenti d'acqua fresca sarà utile per migliorare o ripristinare le proprie condizioni di salute.
Sebbene alcune libellule possiedono pigmenti colorati nella pelle, per lo più le sfumature vengono generate quasi nello stesso modo in cui si forma un arcobaleno: la struttura del loro rivestimento divide e rifrange la luce, conferendo loro iridescenze verdi e azzurre. Col passare del tempo, possono subire diverse modifiche cromatiche.
Questa capacità di riflettere e rifrangere la luce e il colore le ha associate a molte forme di magia e di misticismo, compresa la magia del colore, l'illusionista (fare in modo che gli altri vedano solo ciò che si vuole) e altro. La magia della libellula è il potere della luce e di tutto ciò che è stato sempre associato ad essa.
Le libellule vengono spesse raffigurate nei dipinti giapponesi per rappresentare nuova luce e gioia.


Se la libellula si è mostrata a voi, qualcosa sta per cambiare. State forse resistendo a tale cambiamento, mentre dovreste abbandonarvi fiduciosi? Le libellule ci ricordano che siamo luce e possiamo riflettere in modi molto positivi, se decidiamo di farlo.
"Sia la Luce" è l'esortazione divina a usare l'immaginazione creativa come forza propulsiva della vita stessa. Ciò è parte di quanto le libellule insegnano.

La vita non è mai vuota come a volte sembra, ma sempre piena di luce e colore. La libellula può aiutarvi a vedere oltre le apparenze, permettendo alla vostra stessa luce di risplendere. Essa porta con sé lo splendore della trasformazione e la meraviglia di una nuova e colorata visione.



Amo molto le libellule e questa spilla l'ho creata su richiesta di un'amica, da indossare su un abito da sera che ha piccole libellule gialle disegnate.

Un grande aiuto per realizzarla l'ho trovato nel video su you tube di Giovanna Buccino

L'ho personalizzata con cristalli Swarovsky e mezzi cristalli. Il ricciolo sulla coda l'ho poi tolto perchè la libellula non c'è l'ha, ho lascito un piccolo pezzo di filo wire ribattuto con il martello per bloccare I cristalli.

L'effetto finale è stato per me sorprendente, molto luminosa e delicata, come il volo di una libellula.


mercoledì 12 agosto 2015

Nespresso - Il Monsone non è pioggia...è vento


Appena l'ho vista me ne sono innamorata.
Parlo della capsula limited edition di Nespresso "Monsoon Malabar", che contiene un caffè proveniente dall’India Meridionale, precisamente dalle coste del Karnataka, luoghi in cui ha avuto inizio la sua affascinante storia. 
Nel XVIII secolo, infatti, era da qui che partivano i velieri britannici diretti in Inghilterra con il loro carico di caffè. Durante la lunga navigazione però i chicchi erano sottoposti per mesi alle intemperie, all’umidità e in particolare all’influenza dei venti tropicali, i monsoni. Una fortunata combinazione di fattori che modificava la struttura dei chicchi dandogli non solo un caratteristico color ocra, ma anche una particolare densità e una forte connotazione iodata, proveniente dall’azione del sale marino. (qui l'articolo intero)



Questa capsula, con il suo color oro e gli arabeschi rossi come quelli che si dipingono le donne indiane con l'henne



ha evocato in me ricordi antichi d'Oriente



di donne Indiane che al passaggio lasciano un lieve fruscio di sari setosi e leggeri tintinnii di monili principeschi.


Volevo creare un gioiello che esprimesse queste mie emozioni e mettesse in risalto la bellezza della capsula.
Ho iniziato ad aprire tutte le scatole delle perle del laboratorio, alla ricerca di quelle che avrebbero fatto al mio caso.  Quelle perle che compri perché come le vedi ne resti incantata ma poi devono attendere l'ispirazione che le trasformerà in prezioso bijoux.
Quando ho aperto la scatola che contiene le perle con tutte le tonalità ambra, le ho viste e ho compreso che erano loro:


Una serie di perle a lume di diverse misure che sembra abbiano danzato nell'oro liquido roteando come dervishi, per ottenere quell'effetto speciale che la foto non rende completamente merito.


Per rendere preziosa la struttura della collana, le perle sono state montate singolarmente con la tecnica rosario per la quale ho utilizzato un filo metallico in rame caldo, che riprende il colore della capsula e delle perle e arricchite con piccole corolle argentate a copertura dei fori.
Le ho poi unite fra loro con anelli argentati per riprendere il colore delle corolle e del bordo delle capsule: spennellate d'argento in un mare d'oro.
Ho intercalato otto capsule accoppiate fra loro ed unite con una torsione particolare che differenzia la "perla" ottenuta, movimentandola, rispetto al metodo tradizionale di schiacciarle ed utilizzarle piatte.
Per completare l'opera ho aggiunto al centro un piccolo pezzo di catena vichinga che avevo lavorato qualche mese fa, per sperimentare questa tecnica interessante, durante una serata dell'attività "Le Gioie delle Donne", con Marcella (che l'ha scoperta andando a caccia su internet).



Infine ho aggiunto una morbida catena zigrinata, a maglie romboidali con la tonalità  delle perle. Devo riconoscere che l'effetto è notevole, indossata un'incanto!
Unica.

Tributo alla grazia e bellezza orientale